A cura del Gruppo consumo critico Adirt

L’appuntamento si rinnova ogni ultima domenica del mese presso la sede della Ludoteca di Parco 2 Giugno di Bari, che supporta da quasi due anni l’iniziativa. L’intento è di avviare una pratica antichissima e ancora molto diffusa in diversi paesi nel mondo, secondo la quale le persone, non possedendo denaro scambiano i propri beni attribuendo agli stessi un valore che prescinde da quello economico e che è legato alla sfera dei ricordi, dell’utilità e delle qualità intrinseche dell’oggetto.

L’iniziativa distribuita nell’arco della mattinata è aperta a tutti I cittadini. I partecipanti al baratto dovranno presentarsi provvisti di uno o più oggetti da scambiare. Tali oggetti potranno essere scambiati, con altri presenti al momento della trattativa.

Naturalmente, lo scambio avviene solo se entrambe le parti sono favorevoli. Buona regola sarà quella di portare con sé oggetti in buono stato di conservazione e funzionanti.

Perchè il mercatino del baratto?

Perchè è necessario educare I giovani ad un consumo consapevole che li spinga a guardare a scelte diverse, responsabili e di lungo periodo, di cura e rispetto per l’ambiente. La scuola deve aiutare I ragazzi a comprendere che ogni acquisto determina delle scelte socio-economiche globali e che spesso gli acquisti più innocui contribuiscono allo sfruttamento del lavoro minorile e all’armamento di popoli in guerra.

Perchè occorre educare I giovani alla salvaguardia dell’ambiente.

Oggetti scarsamente utilizzati si accumulano negli sgabuzzini in attesa che qualcuno li utilizzi, oggetti che in gran parte finiscono per essere abbandonati in un cassonetto dell’immondizia, alimentando gli inceneritori di plastica che liberano sostanze inquinanti e nocive per la nostra salute. Ma questi oggetti, inutili per qualcuno, possono invece risultare utilissimi a qualcun altro: è questa la magia del mercatino del baratto!

Info: 3282514906 info@adirt.it