BARI DECO: fra Liberty e Razionalismo.

Lo stile déco fiorì durante gli anni Venti, un periodo che i francesi definirono “les Années Folles” e gli inglesi “gli Anni Ruggenti”.

 

L’Esposizione Internazionale delle Arti Decorative Industriali e Moderne del 1925 a Parigi era una mostra sull’arte di vivere nel mondo moderno. Il più nitido segno distintivo dell’art déco è la sua geometricità, ampiamente derivata dal Cubismo. Tutto, dai fiori alla forma umana divenne angoloso. Il dominio del geometrico creò forme più audaci e più semplici. I soggetti che erano più adatti ad essere trattati geometricamente vennero talmente ripetuti da diventare la cifra stilistica dell’art déco. Uno di essi è il sole che sorge. Un altro aspetto importante dell’art déco fu la semplificazione e il ritmo “jazz”. Quelli furono gli anni dei grandi transatlantici e le linee curve e gli oblò, che li coratterizzavano, furono riportate alle forme dei palazzi e delle finestre.

Spesso il termine art déco viene usato per taluni indirizzi progettuali più “meditati” come quelli De Stijl o Bauhaus. Sotto la guida di Walter Gropius, con una ricerca analoga a quella cubista, gli architetti del Bauhaus spogliarono i loro edifici di qualsiasi ornamento, riducendoli a puri scheletri geometrici. Piani verticali, piani orizzontali, curve chiaramente definite, divennero contemporaneamente struttura e decorazione, e il geometrismo di base divenne più rigido col passare degli anni. Art déco e Movimento Moderno talora si sovrappongono, ma è impossibile dire dove finisca l’uno e dove cominci l’altro. Bari ne fu influenzata e conserva edifici costruiti negli anni Venti e Trenta che ne sono testimonianza. Sabato 21 novembre alle ore 10.30 inizieremo la nostra passeggiata da Via Crisanzio 48( accanto al Palazzo Enel), proseguendo per il Palazzo ex Poste e Telegrafi

Ci fermeremo, quindi, nel negozio di Antiquariato “Personé”( via Putignani 130) che ha alcuni mobili déco, proseguendo per Via Sparano dove i negozi di Herté, Sephora e HeM( ex Rinascente) sono begli esempi déco. Ci dirigeremo verso il Barion, splendido “transatlantico” in muratura per approdare, attraverso il lungomare Di Crollalanza che con le sue curve coniuga lo stesso linguaggio, al nuovo Albergo delle Nazioni.

Ciao a tutti, Sandro Catucci

bari deco 2
image-3195

 

bari deco 1
image-3196

 

 

bari deco 3
image-3197